Creare una rete Wifi
1 Flares 1 Flares ×

Dall’avvento della tecnologia Wi-Fi siamo oggi ormai abituati a trovarla ovunque, gli aspetti caratteristici che hanno reso questa una delle tecnologie più all’avanguardia di sempre sono moltissimi. Prima di inventare il wi-fi alcuni supporti non esistevano neanche, il wifi infatti ha reso possibile molte creazioni come nel caso della domotica.

La rete wi-fi ci semplifica le cose notevolmente senza farci rimpiangere in alcun modo le reti cablate, subito dopo l’invenzione infatti le reti wifi supportavano fino ad una certa velocità riducendo drasticamente il loro impiego rinunciando laddove era indispensabile una velocità maggiore. Oggi sappiamo che le cose sono cambiate e di parecchio, i router wifi anche quelli più comuni riescono a raggiungere velocità incredibile e distanze impressionanti.

La rete wifi più semplice è composta da un router wifi ed un pc che prende il segnale dotato di un’antenna incorporata o esterna. Ricordiamoci che l’antenna che prende il segnale incide molto sulla qualità di quest’ultimo affidiamoci quindi ad un’antenna capace di “gestire” la distanza dal router.

Una rete wifi più complessa è invece composta da un modem o router e da ripetitori, access point o range extender, i primi con impostazioni avanzate simili al modem i secondi semplici strumenti in grado di prendere un segnale wifi e duplicarlo. I ripetitori che compongono una rete wifi completa possono in teoria essere infiniti anche se la cosa diventerebbe difficile oltre che troppo onerosa e poco funzionale.

Per scegliere quanti e quali ripetitori installare dobbiamo fare un’attenta analisi sul luogo che ospiterà la rete wifi, analizzando le distanze tra le diverse apparecchiature che utilizzeranno il wifi e gli ostacoli che ci sono nella struttura. Un range extender è ovviamente molto più efficace se installato in una zona aperta e senza ostacoli ma anche in questo dobbiamo verificare ogni quanto installarne uno.

Se prevediamo di estendere su una zona vasta una rete wifi prevedendo quindi l’installazione di diversi range extender vi consiglio di dotarvi di un router (per gestire la connessione) e di due ripetitori per costruire man mano il percorso e verificare se gradualmente le zone vengono coperte dalla connessione.

Se invece il vostro obiettivo e coprire una zona poco estesa che può essere un ufficio o un’abitazione allora iniziate a provare con un router da 300mbps con due o tre antenne, dovrebbe bastare per ambienti più o meno di 100 mq a seconda di come sono disposti. Se ciò non dovesse bastare acquistate un range extender a partire da 20 euro su internet, assicuratevi che sia della stessa velocità del router e configuratelo (trovate la guide cercando sul sito).

 

1 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 1 Email -- 1 Flares ×

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here